nmvioggi

 

 Media Partner

CALCULATOR 2Ritenendosi erroneamente un "forfetario", nei primi mesi del 2019 un professionista ha emesso alcune fatture senza Iva e senza ritenuta d'acconto.

L'Agenzia delle Entrate ha chiarito come sanare la posizione del professionista contribuente che, ritenendo erroneamente di avere i requisiti per beneficiare del regime forfetario, abbia emesso all'inizio del 2019 fatture senza addebitare l'Iva e senza esporre la ritenuta d'acconto.
Le soluzioni possibili sono due: l'emissione al cliente di una nota di variazione in aumento, che integrì cioè che integri le fatture con l'addebito dell'IVA; oppure l'emissione al clinte di nuove fatture, in sostituzione delle precedenti dopo averle annullate (storno con nota di variazione in diminuzione).

Leggi l'articolo completo

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.