Pochi giorni fa l’Agenzia delle Entrate ha ricordato che solo le spese tracciate ovvero fatture pagate per prestazioni ad animali da compagnia saranno riportate nella dichiarazione 730 precompilata.
FNOVI condivide tempestivamente tutte le informazioni pubblicate dall’Agenzia delle Entrate sul Sistema Tessera Sanitaria.

A dicembre 2019 avevamo precisato che dal 2020 la detrazione sulle spese veterinarie sarebbe stata possibile solo a seguito di pagamenti tracciabili.
Lo scorso gennaio  abbiamo invece ricordato che solo per i medici veterinari la scadenza dell’invio delle fatture emesse restava il 28 febbraio.

Il Sistema Tessera Sanitaria ha una sezione FAQ aggiornata e affidabile, ad esempio Come va trasmesso un documento attestante una spesa pagata sia in contanti che in modo tracciato? Se una prestazione sanitaria viene pagata dal cittadino in parte in contanti in e in parte modo tracciato, il documento di spesa va inviato al Sistema TS come “non tracciato” (pagamentoTracciato= NO). 

COSA CAMBIA?
Per i medici veterinari nulla, perché il STS prevede già le modalità per l’invio delle spese pagate dai clienti anche in contanti. Le sanzioni sono previste sempre e solo per il mancato invio da parte dei soggetti obbligati. Dettagli
Per i proprietari di animali da compagnia la detrazione delle spese, come già precisato a dicembre dell’anno scorso quindi prima dell’inizio del nuovo anno e dell’entrata in vigore del nuovo provvedimento, sarà possibile solo per le spese pagate con metodi tracciali. Quindi non in contanti.

PROSSIMAMENTE L’Agenzia delle Entrate fornirà ulteriori precisazioni e non appena disponibili le pubblicheremo sul portale.

Il provvedimento del 16 ottobre 2020 dell'Agenzia delle entrate sulla tracciabilità delle spese sanitarie e veterinarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata a decorrere dall’anno d’imposta 2020 ricorda che ai fini dell’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata , a decorrere dall’anno d’imposta 2020, i dati delle spese sanitarie veterinarie forniti all’Agenzia delle entrate dal Sistema Tessera Sanitaria, sono esclusivamente quelli con versamento bancario o postale ovvero mediante altri sistemi di pagamento come carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari ovvero mediante altri sistemi di pagamento  - come previsto dall’art.23 del Decreto Legislativo 9 luglio 1997, n. 241 e successive modificazioni.

​ Nel testo del provvedimento sono dettagliati tutti i riferimenti normativi

Fonte: 
Agenzia delle Entrate

Con la  prestigiosa introduzione del Ministro Roberto Speranza si apre la  nuova edizione del materiale didattico realizzato da Fnovi in collaborazione con il Ministero della Salute per i percorsi volontari per proprietari di cani "patentino".
"L’educazione al rispetto e al possesso responsabile è un importante requisito per una pacifica integrazione degli animali da compagnia nella nostra società.
I percorsi di formazione volontari per proprietari di cani rappresentano un’efficace opportunità per la promozione di questo approccio."

Lo scrive il Ministro nella sua introduzione e le sue parole fanno da rinforzo positivo a quelle della presentazione:
Un cane sereno e sicuro non è una casualità o una fortuna: è il risultato di amore, attenzioni e conoscenza dei linguaggi interspecifici. Anche le pagine che seguono sono il frutto degli stessi fondamenti: autori e editor, tutti medici veterinari, hanno riversato e condensato tantissime informazioni, consigli e spiegazioni. L’auspicio è che siano lette, apprezzate e condivise.

Fnovi ringrazia gli autori Carlotta Bernasconi, Raffaella Bestonso, Raimondo Colangeli, Barbara Gallicchio, Manuela Michelazzi, Lorella Notari e Clara Palestrini per aver realizzato uno strumento di grande efficacia e aver messo a disposizione di tutti le loro conoscenze.

Dopo l’invio come numero monografico di 30giorni, il materiale sarà a breve disponibile nell’Area dossier e pubblicazioni di fnovi.it e la sua pubblicazione sarà comunicata sui media FNOVI.

Viene segnalato a FNOVI che Medici Veterinari collaboratori di circuiti produttivi si stiano presentando in allevamento, informando i proprietari di aver ricevuto mandato di effettuare controlli in tema di benessere animale da parte di chi ritira o commercializza animali o prodotti. Propongono all’allevatore di firmare un documento che consentirà loro come “veterinario incaricato” l’accesso al sistema Classyfarm per compilare l’Area relativa al benessere animale.
Questo per lo stupore e l’irritazione del medico “veterinario aziendale”.

I motivi sono così riassumibili:
- la carenza di medici “veterinari aziendali” e la crescente richiesta di qualificazione degli allevamenti in tema di benessere animale che ha spinto il Ministero della salute a prevedere l’ingresso in Classyfarm di “veterinari incaricati”;
- la circostanza che il medico “veterinario aziendale” non ha provveduto a entrare nel sistema ed a formalizzare il suo ruolo in allevamento; è di tutta evidenza che ove l’avesse fatto non sarebbe stato possibile l’accesso di altri medici veterinari.
Appare facile immaginare che l’allevatore sia indotto a delegare un “veterinario incaricato” firmando un documento senza averne piena consapevolezza.

Questi episodi confermano la necessità di formare tutti i soggetti in campo, tanto più oggi con l’arrivo della nota ministeriale a firma del Segretario Generale dr. Giuseppe Ruocco.

Il Ministero della salute nei mesi scorsi aveva inviato due note in tema di Classyfarm pubblicate con le notizie Il medico veterinario incaricato con le funzioni di valutatore del benessere e della biosicurezza potrà operare in Classyfarm e Il manuale esplicativo per la valutazione delle condizioni di benessere negli allevamenti bovini e bufalini
Di oggi invece una nuova nota a firma del Segretario Generale dr. Ruocco su "Classyfarm - autovalutazione del benessere animale e biosicurezza negli allevamenti delle specie bovina e bufalina - Veterinario aziendale/incaricato valutatore".

La nota informa che in tutti gli allevamenti bovini/bufalini, il veterinario aziendale/incaricato valutatore, su incarico e con il supporto tecnico dell’allevatore, potrà provvedere alla valutazione del benessere e della biosicurezza in allevamento. Le check-list appositamente compilate, verranno, pertanto, caricate esclusivamente sul sistema Classyfarm a partire dal 10 ottobre p.v.
Relativamente alla formazione dei veterinari, il CReNBA e i referenti del CReNBA presenti presso gli II.ZZ.SS. provvederanno a organizzare specifici corsi di formazione con lo scopo di standardizzare l’utilizzo delle citate checklist (allegate alla presente) e rendere uniforme l’interpretazione dei rispettivi manuali esplicativi. Tutta la documentazione è presente sul sito
 Classyfarm.

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.