Il Consiglio di Amministrazione Enpav si è riunito nei giorni scorsi in via straordinaria per decidere su alcune questioni ancora aperte, circa la platea degli iscritti aventi diritto al Bonus dei 600 Euro. E' stato deliberato quanto segue.

- Giovani – Via libera per la presentazione della domanda di Bonus anche da parte di tutti gli iscritti tra il 1° gennaio 2019 ed il 31 marzo 2020, che nell'anno 2018 hanno percepito un reddito complessivo pari a zero. Restano fermi i limiti reddituali massimi (35.000 Euro/50.000 Euro) stabiliti dal D.I. del 28.03.2020.
I giovani che hanno già presentato la domanda NON devono presentarla nuovamente.

- Sussidi straordinari 1000 Euro - Il Bonus dei 600 Euro è compatibile con l’indennità straordinaria di 1000 Euro che il CdA aveva già deciso di riconoscere ai liberi professionisti in quarantena o in stato di isolamento domiciliare obbligatorio certificati da Asl, Ats, ordinanze. Chi è in possesso dei requisiti può presentare domanda per entrambi.

- Esclusività della gestione previdenziale – Possono richiedere il Bonus tutti coloro che alla data del 31.03.2020 sono iscritti all'Enpav e ad altro Ente di previdenza, ma versano contributi esclusivamente all’Enpav.
Allo stato attuale, non possono presentare la domanda coloro che alla data del 31.03.2020 sono iscritti e contribuiscono all'Enpav e ad altro Ente di previdenza. Su questo punto l'AdEPP, a nome di tutte le Casse dei professionisti, ha chiesto al Governo di interpretare in via estensiva il concetto di esclusività dell'iscrizione, da intendersi nel senso di esclusività della richiesta di Bonus ad un solo Ente di previdenza, anche in caso di iscrizione e contribuzione contestuale a più Enti. Siamo quindi in attesa di un chiarimento da parte del Governo.

Si invitano gli iscritti che hanno presentato la domanda di Bonus tra il 1° ed il 9 aprile a compilare, qualora non lo abbiamo già fatto, la Dichiarazione Integrativa relativa all’esclusività di iscrizione all’Enpav, presente nell’Area Riservata del sito.

- Titolari di trattamenti pensionistici – Confermata l’incompatibilità del Bonus per i titolari di qualsiasi trattamento pensionistico, incluse le pensioni di invalidità e di reversibilità, anche corrisposto da altro Ente previdenziale.

Enpav informa che sono 9.284 i Bonus messi in pagamento, sempre nel rispetto dell’ordine cronologico di presentazione delle domande.

Utilizzo dei cookie: per garantire funzionalità e preferenze di navigazione questo sito utilizza cookie proprietari, al fine di migliorare l'esperienza dei propri utenti, e si riserva l'utilizzo di cookie di terze parti per migliorare i propri servizi. Per maggiori informazioni e ricevere eventuali istruzioni sull'uso dei cookie leggi l'informativa estesa, premendo il tasto CHIUDI accetti l'utilizzo dei cookie.